Shiatsu: contatto vitale.

Tra le discipline del benessere lo Shiatsu è il rimedio antistress preferito dagli italiani (19 % delle preferenze). Lo Shiatsu stimola l’armonizzazione energetica della persona attraverso i meridiani (sistema di canali di scorrimento dell’energia vitale codificato dalla tradizione orientale) e di riflesso agisce sulla mente, sullo spirito, sulle emozioni e sul corpo del Ricevente.

Lo Shiatsu: una grande Arte per la Salute

Lo Shiatsu: una grande Arte per la Salute

Shiatsu, in giapponese, significa “pressione esercitata con il dito” o con la mano.  La pressione è profonda, ma progressiva e  non genera dolore.
Lo Shiatsu opera sul corpo, ma attraverso i punti ed i meridiani, agisce su tutto il nostro essere riequilibrando il corpo, la mente e le emozioni. Con lo Shiatsu i blocchi e le tensioni si sciolgono e la nostra energia vitale si riattiva.

Lo Shiatsu è quindi un trattamento “particolare”, rivolto all’individuo nella sua totalità ed il Professionista Shiatsu dovrà essere una persona un po’ “speciale” dotata di grande interiorità e sensibilità per entrare profondamente in contatto e sintonia con colei o con colui che viene trattato e mettere in atto non solo le caratteristiche dello Shiatsu più specificatamente tecniche, ma anche quelle più sottili come la capacità di osservazione, di attenzione e di ascolto dell’altro. Il Professionista Shiatsu deve saper compiere, nei confronti del Ricevente, un’azione di profondo stimolo personalizzato, un’azione che investa la persona ricevente non solo sul piano fisico più immediato, ma anche e soprattutto su quello energetico e psichico.

Un buon Operatore Shiatsu possiede una ben precisa specializzazione e un’ineccepibile preparazione tecnico professionale acquisita attraverso un percorso di pratica e di studio almeno triennale, seguito da un intenso tirocinio. La sua preparazione, in realtà, non ha mai fine poiché il tipo stesso di studio e di pratica porta il praticante, una volta diventato professionista, a sviluppare e conservare nel tempo l’atteggiamento tipico del ricercatore che continuamente studia e si aggiorna.

Il Ricevente si affida ad un Operatore non solo preparato a trattare in modo adeguato i suoi squilibri ma anche attento, sensibile e disponibile, in un rapporto di reciproca ed attiva collaborazione. In questo scambio l’Operatore pazientemente e sapientemente guida e stimola, mentre il Ricevente prende coscienza dei suoi squilibri e intraprende quel percorso che lo renderà responsabile e partecipe del processo di ripristino di un migliore equilibrio psicofisico.

Lo Shiatsu, disciplina di origine giapponese, si è diffuso in Italia fin dagli anni ’80 ed è ben conosciuta dal pubblico, ma ancora non ha avuto il riconoscimento ufficiale di pratica professionale autonoma.
L’apprendimento della disciplina è svolto presso Scuole di formazione triennale che garantiscono una preparazione seria e qualificante sotto il controllo della Federazione Nazionale Scuole Shiatsu.
L’Operatore qualificato ha un’attestazione del suo percorso di studi specifico che garantisce la competenza personale nella disciplina. Solo alcuni però possono vantare il “bollino di qualità” che la Federazione Italiana Shiatsu ®  rilascia a coloro che superano un’esame approfondito e professionale.
Chi desidera quindi avvicinarsi a questa disciplina come Operatore o come Ricevente deve ricercare nell’attestazione rilasciata dalle Associazioni Professionali di categoria quell’elemento qualificante che certifica il buon Operatore Shiatsu Professionista.

Leggi un interessante articolo sullo Shiatsu Shiatsu un contatto vitale.

Cerchi un Operatore Shiatsu qualificato?

Vuoi iscriverti ad un corso di Shiatsu di buon livello?

Shiatsu: una grande arte per la salute

Federazione Italiana Shiatsu

Federazione Italiana Shiatsu

Lo Shiatsu nasce in tempi relativamente recenti in Giappone ma si è diffuso  nei paesi occidentali negli anni sessanta. E’ un’arte autonoma che si fonda su un insieme di modelli in prevalenza appartenenti alla medicina tradizionale cinese e giapponese e influenzati dal pensiero taoista.

L’azione dello Shiatsu viene diversamente interpretata a seconda del modello a cui ci si riferisce. Nella visione energetica è rivolto a favorire il libero fluire del qi/ki, principio base unitario di tutti i fenomeni naturali compreso l’essere umano. Il qi/ki si manifesta e viene percepito sia come funzione che come forma. Qi/ki viene comunemente tradotto in italiano con il termine “energia” ma più correttamente può essere inteso come “flusso vitale”.

Lo Shiatsu ha il suo campo di azione su tutto il corpo umano agendo mediante pressioni perpendicolari, mantenute e costanti portate con la mano, ma più precisamente il palmo, le dita e le nocche, ed anche con il gomito e il ginocchio. La pressione viene effettuata sulla rete di meridiani, aree e punti che costituiscono la struttura vitale dell’essere umano codificata dalla medicina orientale.
La concezione di una struttura energetica dell’essere umano, formalizzata dalla medicina tradizionale cinese e patrimonio di tutte le tradizioni estremo-orientali, è la radice da cui lo Shiatsu nasce e si sviluppa.

Lo Shiatsu favorisce attività di armonizzazione del qi/ki nell’essere umano inteso come unitarietà del corpo, della mente e dello spirito, concorrendo alla prevenzione di condizioni energetiche disarmoniche o alla trasformazione delle disarmonie già in atto. Ciò significa creare le condizioni perchè l’individuo possa armonizzare la sua natura interna e la sua relazione con l’ambiente esterno dal quale l’uomo è costantemente influenzato e con il quale ricerca un equilibrio salutare.

Lo Shiatsu concepisce le condizioni di benessere e di disagio dell’essere umano in termini concettuali e relazionali differenti e autonomi da quelli utilizzati dalla cultura medico-occidentale di questo secolo, ed è quindi estraneo ai concetti di “malattia” e “terapia”come correntemente intesi. Lo Shiatsu si rivolge quindi alla stimolazione della parte sana dell’individuo per sfruttare la capacità di omeostasi dell’organismo.

Lo Shiatsu è parte integrante di una realtà culturale specifica che considera la salute non solo come mantenimento delle funzioni vitali, ma come percorso di crescita personale atto a relizzare un benenssere personale che influenza unitariamente il corpo, la mente e lo spirito. In Italia è praticato da migliaia di operatori che attraverso il loro lavoro hanno ampiamente dimostrato la sua applicabilità su adulti, anziani, bambini, in ogni condizione sociale e in ogni campo di attività.

L’Operatore Shiatsu opera secondo sequenze e modalità relative alla particolare struttura e situazione energetica del ricevente, valuta le condizioni del qi/ki e ne facilita il flusso seguendo specifici criteri di riequilibrio energetico. L’Operatore shiatsu si forma in un percorso pluriennale, come minimo triennale, in cui l’acquisizione degli elementi tecnici, teorici e percettivi è strettamente e costantemente collegata alla pratica.

La formazione professionale dell’Operatore Shiatsu è originale e autonoma, riconosciuta da organismi e associazioni professionali, prodotta dalla compresenza di specifici elementi tecnici e culturali che sono oggi patrimonio soltanto di quanti fanno ricerca in questo campo e che praticano tale professione. L’iscrizione ad una associazione professionale attesta la serietà e la veridicità del percorso formativo professionale.

(tratto dal “Manifesto dello Shiatsu” della Federazione Italiana Shiatsu)

Shiatsu: Disciplina Olistica per la Salute.

FNSS

Federazione Nazionale Scuole di Shiatsu

Lo Shiatsu è una tecnica a mediazione corporea che origina dalla tradizione medico – filosofica cinese e che si è successivamente sviluppata in Giappone.

Si basa sulla pressione perpendicolare, mantenuta e costante del pollice, delle dita, del palmo, del pugno e del gomito, esercitata lungo il tragitto dei meridiani energetici o su aree specifiche del corpo.

Lo Shiatsu considera l’essere umano come un sistema multifunzionale, composto da elementi energetici, psichici e fisici in condizione di costante interdipendenza, dove l’assenza di salute, e quindi di benessere, è l’espressione concreta e percepibile della perdita di equilibrio energetico o “disarmonia”.

La disarmonia, ed il conseguente disagio del corpo e della mente, è provocata da uno squilibrio energetico interno che si esprime principalmente nell’occlusione del meridiano di scorrimento, con conseguente ulteriore danno all’organo o al viscere collegato al meridiano stesso.

Lo Shiatsu, praticato in modo corretto, risulta efficace perché permette di “liberare” i canali dove scorre l’energia vitale, consentendo una migliore circolazione dell’energia stessa, ripristinando le funzioni che permettono all’organismo di ritrovare l’equilibrio e l’armonia con sé stesso e con l’ambiente circostante.

Lo Shiatsu inoltre, concorrendo alla prevenzione di condizioni energetiche disarmoniche o alla trasformazione delle disarmonie già in atto, fornisce anche all’utente i mezzi e le informazioni necessarie per renderlo parte consapevole ed attiva nella ricerca di una miglior condizione di benessere e di salute.

Gli effetti del trattamento Shiatsu infatti sono risultati di particolare efficacia anche nell’educare il ricevente alla sensibilità e all’autopercezione. In questo modo l’utente partecipa in modo nuovo e coinvolgente alla scoperta di se stesso, attraverso il recupero della percezione della propria struttura energetica , attraverso la rivalutazione delle sue sensazioni soggettive e attraverso la loro lettura ed interpretazione in termini energetici.

Lo shiatsu non è sostitutivo di eventuali terapie mediche, paramediche, psicologiche e psichiatriche, ma è un metodo finalizzato al ripristino dell’equilibrio energetico dell’utente. Per queste sue caratteristiche è risultato essere perfettamente affiancabile, in accordo con il medico curante, a qualsiasi trattamento terapeutico convenzionale e non convenzionale, senza alcun rischio e pregiudizio per le cure cui esso eventualmente si accompagna.

Lo Shiatsu è quindi una specifica disciplina rivolta al mantenimento o al ripristino della salute in termini energetici, autonoma e non assimilabile a nessun’altra disciplina e non dipendente per la sua pratica da conoscenze mediche e paramediche, comprese la fisioterapia e la massofisioterapia.

La nostra Associazione, le nostre Scuole e i nostri Operatori hanno da sempre sostenuto e favorito il principio dell’inalienabile diritto dell’utente al sostegno della sua personale richiesta di Salute, così come sottolineato anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel rispetto della soggettività e della pluralità di bisogni e aspettative che ogni singolo essere umano può esprimere in un territorio così ampio e multiforme come quello della Salute.

(Tratto dal sito della Federazione Nazionale Scuole di Shiatsu)